Read Red Road Libreria per Bambini Roma | Cosa legge la libraia a luglio 2019
Una storia da leggere. Una saga di famiglia. Una impresa che cresce.
libreria per bambini roma, libreria piazza bologna, corso aprire una libreria per bambini, stefania auci, i leoni di sicilia, libri e giochi a piazza bologna, feste compleanno piazza bologna, read red road, libreria per bambini read red road, libreria read red road piazza bologna, libreria via padova, attività per bambini piazza bologna, laboratori creativi piazza bologna, musicainfasce roma, musicainfasce piazza bologna, finché un giorno libro, come cambiare vita a quarantanni, libreria indipendente, giochi in legno a roma, animazione piazza bologna, letture animate piazza bologna, letture animate per bambini roma, cosa fare a roma sabato pomeriggio, compagnia teatrale karibù, moblarte,
18184
post-template-default,single,single-post,postid-18184,single-format-standard,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

I leoni di Sicilia da Read Red Road

I leoni di Sicilia da Read Red Road

Confessione da libraia.
Ha scelto questo titolo colpita dalla copertina.
Ha scelto questo titolo perché continuava ad inciamparci tra post e consigli.
Ha scelto questo titolo per la bellezza dell’illustrazione.
Ha scelto questo titolo sulla scia di un impulso. Creato ad arte lo sa, e scientemente efficace. Come ogni gesto di comunicazione che si rispetti. 
Ha scelto questo libro e ha iniziato a leggerlo.
Totalmente ignara della storia.
Inconsapevole che fosse ispirata a una vicenda vera.
Ha scelto questo libro sostenuta dall’emozione del primo sguardo.
Attratta da una copertina, da un’immagine.
E ora che di pagine ne ha lette – d’un fiato – 358 e si avvia a concluderle, si ritrova in mano un trattato di storia e economia.
Un’impresa piccola.
Un’ambizione grande.
Una famiglia.
Una tenacia unica.
Una mente aperta; uno sguardo curioso.
Una vita dedita alla putia.
Una vita a far dimenticare le origini.
A costruire una reputazione.
Intorno guerra, monarchia, moti e rivoluzione. Spezie e colera. Automazione e rottamazione.
E impresa.
E migrazione. E immigrazione.
E contaminazione e razzismo.
E fatica e sudore. E malelingue e rancore.
L’inglese, le macchine, la bottega, il dialetto siciliano.
Palermo, le donne, le mogli, le madri, le amanti.
Una storia che ti entra dentro.
Che lascia traccia, che trascina e si insinua.
Certo, lu putiaru zoccu avi abbannìa (il negoziante decanta ciò che ha) ma se ve lo consigliamo, un motivo ci sarà. 

No Comments

Post A Comment