Read Red Road Libreria per Bambini Roma | Scuola: ne parliamo il 20 ottobre a Via Padova 51
Scuola pubblica o scuola privata? Scuola a casa o scuola nel bosco? Ne parleremo in un incontro a più voci, venerdì 20 ottobre, alle 18.30. Vi aspettiamo
libreria per bambini roma, libreria piazza bologna, corso aprire una libreria per bambini, libri e giochi a piazza bologna, feste compleanno piazza bologna, read red road, libreria per bambini read red road, libreria read red road piazza bologna, libreria via padova, attività per bambini piazza bologna, laboratori creativi piazza bologna, musicainfasce roma, musicainfasce piazza bologna, finché un giorno libro, come cambiare vita a quarantanni, libreria indipendente, giochi in legno a roma, animazione piazza bologna, letture animate piazza bologna, letture animate per bambini roma, cosa fare a roma sabato pomeriggio, compagnia teatrale karibù, moblarte,
16443
post-template-default,single,single-post,postid-16443,single-format-standard,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Io scuola perché, incontro sulla scuola 20 ottobre ore 18.30

Io scuola perché, incontro sulla scuola 20 ottobre ore 18.30

È alla radice di questo spazio. Nelle sue motivazioni profonde. Era ed è quel desiderio di provare a fare cultura, di proporre alternative concrete a gonfiabili e videogiochi. È quella certezza che esseri pensanti, educati alla bellezza, allenati al pensiero e alla creatività possano avere una marcia in più e fare strada. Studia, conosci, impara, guarda, scopri, sii curioso: sono le esortazioni con cui siamo diventati grandi e che condividiamo e diffondiamo. Quest’anno ancora di più. Attraverso il centro estivo e quello invernale, con i laboratori del lunedì e del mercoledì, le letture del martedì, il Circolo di lettura, le collaborazioni con le scuole. Studiamo perché si possa crescere e maturare un pensiero nuovo. Lo facciamo a latere, e insieme alla scuola. Quelle pareti di cui siamo critici durante le lunghe e inspiegabili pause. Quelle chiusure fuori tempo che non capiamo in un soggetto pubblico quasi più prezioso di una struttura sanitaria. Ci aggiorniamo, partecipiamo a corsi, seguiamo esperienze nuove e antiche, contattiamo maestri e educatori. Andiamo alla scoperta di innovatori e spesso li mettiamo in contatto. Facciamo un incontro per conoscerci e ci ritroviamo a immaginare percorsi. Ogni volta con nuovi saperi e tanti testi da studiare.
Al centro c’è il tema più caro: l’educazione. Quel percorso che molto dipende da quella sA3-io-scuola-perche-page-001cuola, che cambia ma non sembra cambiare mai, che evolve ma non sembra stare al passo, che incontriamo nei volti belli e appassionati di alcuni docenti, ma anche nei racconti di lacune e carenze che ci lasciano perplessi. Viviamo i tema da genitori e ci confrontiamo con chi la scuola la vive. Così ci confrontiamo con Roberto, professore di liceo, che alla scuola dedica un libro e scrive: “C’è una scuola di classe. Uno sguardo ai dati sul settore scolastico pubblico mostra delle tendenze che si consolidano nel liceo ma che sono già chiare dalle elementari: i ragazzi con i profitti migliori provengono da contesti familiari e sociali stimolanti e hanno alle spalle un percorso di studi sempre in ascesa. Di solito sono concentrati in alcuni istituti e in alcune classi, in alcuni quartieri di alcune città … Insomma, il sistema formativo si limita a confermare il patrimonio culturale degli alunni fin dalla più tenera età… Perché questo avviene, a cosa serve questa scuola? E come immaginarne una differente?” (Scuola di classe, Roberto Contessi, ed Laterza). Non lo sappiamo ma siamo andati alla ricerca di chi quella riflessione l’ha fatta e ha cercato una soluzione. Così incontriamo Chiara De Persio, dell’Associazione Albero Maestro, che la scuola per i suoi figli l’ha creata. Con un gruppo di famiglie, si sono trasformati in genitori educatori. Vivono l’educazione parentale e si preparano a fondare una scuola libertaria anche a Roma. E poi ci sono Paolo, il maestro Luca e la maestra Giulia che la loro scuola l’hanno immaginata nel bosco e hanno fondato l’Asilo nel Bosco di Ostia. Quello che all’estero sembra scontato e qui è appena iniziato. Con Roberto, Chiara, Luca e Giulia ci confronteremo venerdì 20 ottobre alle 18.30: parleremo di scuola, quella che viviamo, quella che immaginiamo, quella che costruiamo, quella che amiamo e quella che non capiamo. Lo faremo con l’aiuto di Francesca Ceci, giornalista Rai Radio 1, e con la partecipazione, ce lo auguriamo, di tutti voi. Vi aspettiamo.

No Comments

Post A Comment